Sindrome Sundown in persone con …

Sindrome Sundown in persone con ...

Astratto

parole chiave: Sundowning, il morbo di Alzheimer, la demenza

INTRODUZIONE

Tuttavia, ciò che distingue Sundowning da condizioni di cui sopra è che le persone con la sindrome di tramonto mostrano tipicamente comportamenti distruttivi in ​​particolare nel tardo pomeriggio, la sera, o di notte. 2 Possono essere molto impegnativo per gli operatori sanitari per far fronte a questi sintomi. Uno studio indica che l’agitazione da sindrome di tramonto è una causa comune di istituzionalizzazione dei pazienti anziani affetti da demenza. 3 Altre caratteristiche cliniche della sundowning includono sbalzi d’umore, atteggiamento eccessivamente esigente, sospettosità, e allucinazioni visive e uditive nel tardo pomeriggio e la sera. 4

È difficile differenziare un’ampia varietà di interruzioni comportamentali temporali in pazienti affetti da demenza, e la loro correlazione con altri fattori non circadiano ritmo correlati. Tuttavia, ci sono prove sufficienti a neurologiche e letteratura psichiatrica per suggerire l’esistenza di un fenomeno sundowning-tipo in individui affetti da demenza o deterioramento cognitivo, che secondo i dati della letteratura comprende una costellazione di emotivo, cognitivo, comportamentale, e disfunzione motoria. 1. 2. 4. 5. 9. 13 – 20

METODI

RISULTATI

Epidemiologia

Eziologia

La causa esatta della sindrome di tramonto è sconosciuta. Diverse teorie sono state proposte per comprendere il fenomeno clinico di sundowning. Gli studi che hanno tentato di spiegare eziologia della sindrome tramonto possono essere suddivisi in tre gruppi principali: fisiologici, psicologici e ambientali. 22

Deprivazione sensoriale

disturbi del ritmo circadiano

Disordini del sonno

risposta disadattivi a fattori ambientali

Rindlisbacher e Hopkins 5 misurati agitazione nei pazienti affetti da demenza di Alzheimer in termini di attività motoria. Le analisi hanno dimostrato che alcuni soggetti in questo studio hanno dimostrato aumento di attività nel pomeriggio, ma questi soggetti non corrispondevano a gruppi di cura assegnati di ‘aperitivi’ e ‘non aperitivi serali’. Movimento correla di "sundowning" sono stati osservati nei pazienti con AD presumibilmente a metà degli stadi della demenza, e meno in pazienti con stadi più avanzati della malattia. 5 Cohen-Mansfield et al. 11 presume che urla durante la notte può verificarsi in pazienti affetti da demenza come una risposta all’isolamento sociale. Un’altra possibile contributo ambientale per sundowning è il rapporto più basso personale-paziente in istituzioni, o la disponibilità diminuito di assistenti familiari in quel momento della giornata. Diminuisce l’intensità della stimolazione strutturata per i pazienti, aumenta la noia, e di conseguenza porta ad agitazione, irrequietezza, e altre interruzioni comportamentali associati disturbo del comportamento. D’altra parte, con alta prevalenza di Sundowning (66% tra i pazienti che vivono a casa), Sundowning comportamento in piombo demente pazienti è insufficiente, il sonno frammentato in badante, e aumenta lo stress del caregiver, che può aumentare la probabilità di sundowning. 26. 64. 65 Non a caso, lo stress del caregiver e burnout può aumentare la probabilità di istituzionalizzazione per il paziente. 64. conflitti 65 personale / pazienti possono derivare da mancanza di comunicazione, personale scissione a seguito della patologia del paziente demente specifico, o frustrazione e sofferenza a causa della diminuzione indipendenza fisica. 22

cambiamenti temporali della temperatura corporea

Farmaci come un fattore che contribuisce

Condizioni mediche e psichiatriche come un fattore che contribuisce

Una grande varietà di fattori medici possono contribuire alla associato temporalmente agitazione. Ad esempio, alcune malattie in cui il dolore è intenso possono iniziare o peggiorare cognitivi, affettivi, o disturbi del comportamento nel tardo pomeriggio. Bachman et al. 63 ha riferito che l’agitazione può essere una manifestazione della risposta alla variazione temporale nel dolore. Mood variabilità in alcuni pazienti affetti da demenza può avere schema prevedibile, e in depressione maggiore umore instabile nelle ore serali (che possono caratterizzare modello atipico di depressione maggiore), potrebbe forse spiegare alcuni casi di sundowning. 63 Si può ipotizzare che l’agitazione e le variazioni delle attività nei pazienti affetti da demenza con depressione può manifestarsi come Sundowning; tenendo in considerazione le difficoltà nel far emergere altri sintomi della depressione in soggetti con deterioramento cognitivo. 63 Alcuni ricercatori teorizzano che la fame, i cambiamenti nei livelli di glucosio nel sangue dopo aver mangiato nei pazienti con diabete, o un calo della pressione sanguigna dopo un pasto (che priva temporaneamente cervello di ossigeno), possono portare su di agitazione e confusione nei soggetti sensibili. 67

Diagnosi

Diagnosi differenziale

Trattamento

Entrambi gli approcci non farmacologiche e farmacologiche sono state considerate per il trattamento di pazienti con sundowning. Secondo la letteratura esaminata, tra i fattori medici che possono contribuire a Sundowning negli individui anziani con demenza sono: sindrome di dolore cronico a causa di artrite e di tumori maligni, malattie sistemiche di organi (tra cui insufficienza cardiaca congestizia, cardiopatia ischemica, l’asma, malattia polmonare ostruttiva cronica , reflusso gastroesofageo, incontinenza, l’ipertrofia prostatica benigna), patologie psichiatriche (tra cui depressione, ansia, psicosi), e gli effetti di vari farmaci. 19. 63. 70 In pazienti affetti da demenza, disagio fisico e la malattia può anche essere espressa come anomalie comportamentali. Gli individui con AD non sono in grado di reagire al dolore o altri disturbi fisici in modi standard, così come per riferirsi alla loro corpo correttamente. Questo è il motivo anziani pazienti affetti da demenza spesso usano l’aggressione e altri comportamenti, come urla, urla e rifiutandosi di mangiare per esprimere il dolore o altri sintomi fisici. È stato suggerito di usare "INTELIGENTE" 71 o "P.I.E.C.E.S." 72 approcci nella gestione dei problemi comportamentali correlati alla demenza. Il primo comprende sicurezza, medico work-up, valutazione delle competenze, riposo / revisione delle cause di anomalie comportamentali, e il processo di farmaci. Quest’ultimo comprende considerando i problemi fisici, intellettuali / cambiamenti cognitivi, problemi emotivi, le capacità, ambiente, questioni culturali / sociali. Considerando Sundowning sintomi che sono una parte dei sintomi comportamentali e psicologici della demenza, è ragionevole utilizzare lo stesso "INTELIGENTE" o "P.I.E.C.E.S" approcci nel trattamento complesso di manifestazioni comportamentali della sindrome tramonto. Pertanto, prima di considerare qualsiasi trattamento specifico per la sindrome del tramonto nei pazienti anziani con demenza, è ragionevole per raccogliere un’attenta anamnesi, eseguire un esame fisico completo, e indagini di laboratorio al fine di valutare un paziente per motivi temporali di agitazione e di altre manifestazioni di Sundowning sindrome, e il suo possibile collegamento con varie condizioni mediche. Secondo i dati di letteratura medica corrente, i seguenti interventi sono stati provati e trovati per essere in qualche modo efficace per il trattamento di pazienti affetti da demenza in Sundowning: terapia della luce brillante, melatonina, inibitori dell’acetilcolinesterasi, farmaci antipsicotici, e di intervento ambientale / modifiche comportamentali.

terapia della luce

Melatonina

inibitori dell’acetilcolinesterasi

farmaci antipsicotici

Anche se gli antipsicotici sono probabilmente la classe più diffusa di farmaci per curare i sintomi di sundowning, vi sono informazioni limitate disponibili nella letteratura medica su questo particolare argomento. La maggior parte degli studi riflettono uso di farmaci antipsicotici nei soggetti affetti da demenza per varie interruzioni comportamentali, tra cui psicosi e agitazione, ma non specificamente per sundowning. 114 – 129 Stoope et al. 114 ha riferito che il 40% dei medici di famiglia e neuropsichiatri in Germania considerato farmaci antipsicotici come i farmaci di scelta per il trattamento di Sundowning e di altri disturbi del sonno nei pazienti anziani con demenza. Numerosi RCT sono supportati l’efficacia dei diversi farmaci antipsicotici (risperidone, olanzapina, aripiprazolo) per il trattamento dei sintomi comportamentali nella demenza. 119-123 Un altro rapporto riflette l’uso di quetiapina per interruzioni comportamentali e psicosi in casa di cura residenti con AD. 124 I Trials antipsicotici clinici di efficacia-Alzheimer Disease intervento di hanno dimostrato che l’uso di antipsicotici atipici è stato associato con netto miglioramento paranoico ideazioni, aggressività e rabbia. 127 Tariot 115 ha riferito che i farmaci antipsicotici mostrano effetti modesti sulla dell’agitazione nei pazienti con grave demenza con solo il 15-20% dimensione effetto rispetto al placebo. Ha anche dimostrato che circa un terzo dei pazienti sui farmaci antipsicotici possono verificarsi lieve sedazione, che può essere favorevole agevolazione sonno. Un altro studio ha suggerito farmaci antipsicotici per il trattamento di vari disturbi del sonno e comportamenti disadattivi di notte a gravemente affetti da demenza residenti in casa di cura. 121 E ‘stato riferito che c’era anche leggero effetto del trattamento antipsicotico in agitazione durante il giorno, e dopo la sospensione dei farmaci antipsicotici per quattro settimane, i punteggi comportamentali globali è rimasto relativamente stabile o migliorata in maggior parte dei soggetti. 116 Standbridge 128 ha suggerito antipsicotici atipici per il trattamento di Sundowning e confusione, la sera, a causa dei loro effetti collaterali sedativi. Parnetti 129 ha dimostrato che gli antipsicotici atipici a dosaggi molto bassi possono essere utilizzati per il trattamento di deliri, allucinazioni, e ideazioni paranoidi. antipsicotici atipici, confronto agli antipsicotici tipici, hanno più favorevole profilo di effetti collaterali. 2 Tuttavia, il suo uso deve essere attentamente valutato contro tali effetti collaterali pericolosi per la vita, come la polmonite, ictus, e morte. 130-132 Risperidone, è uno dei agente comunemente usato, è stato dimostrato di diminuire l’agitazione notturna in casa di cura residenti. 118 Un altro studio ha dimostrato la riduzione di aggressività e di vagabondaggio, così come aumentare notte ore di sonno in pazienti dementi trattati con risperidone. 117 E ‘stato consigliato di rivalutare lo stato cognitivo e comportamentale dei pazienti affetti da demenza su farmaci antipsicotici su base regolare: entro 3 mesi dopo l’inizio del trattamento (linee guida canadesi di trattamento), 133 o almeno ogni 3 a 6 mesi se sono pazienti ambulatoriali. 128. 129 Anche se non ci sono studi specifici relativi all’uso di antipsicotici atipici per il trattamento di sundowning, potrebbero essere considerati come farmaci efficaci per questo scopo, soprattutto perché questi farmaci sono meglio tollerato rispetto antipsicotici tipici nei pazienti anziani. 2

interventi ambientali / modifiche comportamentali

Prognosi

Ci sono state dati molto piccola ricerca sulla prognosi della sindrome tramonto. Scarmeas et al. 25 ha riferito che la presenza della sindrome tramonto è stata associata con più rapido deterioramento della funzione cognitiva in pazienti con fasi di AD.

Prevenzione

CONCLUSIONE

Riferimenti

1. Cameron DE. Gli studi in delirio notturno senile. Psychiatr Q. 1941; 15: 47-53.

2. Kim P, Louis C, Muralee S, Tampi RR. Sundowning sindrome in pazienti anziani. Clin Geriatr. 2005; 13: 32-36.

3. Hess CW. I disturbi del sonno e la demenza. Praxis (Berna 1994) 1997; 86: 1343-1349. [PubMed]

4. Volicer L, Harper DG, Manning aC, Goldstein R, Satlin A. Sundowning e ritmi circadiani nella malattia di Alzheimer. Am J Psychiatry. 2001; 158: 704-711. [PubMed]

5. Rindlisbacher P, Hopkins RW. Un’indagine della sindrome sundowning. Int J Geriatr Psychiatry. 1992; 7: 15-23.

6. Prinz PN, Raskind MA. Invecchiamento e disturbi del sonno. In: Williams RL, Karacan I, redattori. Disturbi del sonno: diagnosi e trattamento. New York: John Wiley and Sons; 1978.

7. Sadock BJ. Segni e sintomi in psichiatria. In: Sadock BJ, Sadock VA, redattori. di Kaplan Sadock Comprehensive Textbook of Psychiatry. 7a edizione. Baltimore: Lippincott Williams Willkins; Del 2000.

8. Bliwise DL. Ciò che è Sundowning? J Am Soc Geriatr. 1994; 42: 1009-1011. [PubMed]

10. Martin J, M Marler, Shochat T, Ancoli-Israele S. ritmi circadiani di agitazione nei pazienti istituzionalizzati con malattia di Alzheimer. Chronobiol Int. 2000; 17: 405-418. [PubMed]

11. Cohen-Mansfield J, Watson V, W Meade, Gordon M, Leatherman J, Emor C. Does Sundowning si verificano in residenti di unità di Alzheimer? Int J Geriatr Psychiatry. 1989; 35: 101-108.

12. Bliwise DL, Yesavage JA, Tinklenberg JR. Sundowning e il tasso di declino della funzione mentale nella malattia di Alzheimer. Demenza. 1992; 3: 335-341.

13. Evans LK. La sindrome Sundown in anziani istituzionalizzati. J Am Soc Geriatr. 1987; 35: 101-108. [PubMed]

14. Cohen-Mansfield J, Marx MS, Werner P, modelli Freedman L. temporali di agitati casa di cura residenti. Int Psychogeriatr. 1992; 4: 197-206. [PubMed]

15. Burgio LD, Scilley K, Hardin JM, Janosky J, P Bonino, Slater SC, et al. Studiando la vocalizzazione dirompente e fattori contestuali nella casa di cura: l’osservazione in tempo reale, assistita da computer. J Gerontol. 1994; 49: P230-P239. [PubMed]

16. O’Leary PA, Haley WE, Paul PB. valutazione del comportamento nella malattia di Alzheimer: l’uso di un registro di 24 ore. Psychol Aging. 1993; 8: 139-143. [PubMed]

17. Sloane PD, Mitchell CM, Pressier JS, Phillips C, comandante C, E. Burker ambientale correlato di agitazione residente nella malattia unità di cure speciali di Alzheimer. J Am Soc Geriatr. 1998; 46: 862-869. [PubMed]

18. Kutner NG, Bliwise DL. Osservato agitazione e il fenomeno della "Sundowning" tra SCU residenti. In: Holmes D, Teresi JA, Ory M, redattori. Ricerca e la pratica nella malattia di Alzheimer. New York: Springer; 2000. pp. 151-161.

19. Poco JT, Satlin A, Sunderland T, sindrome Volicer L. Sundown in pazienti gravemente affetti da demenza con probabile malattia di Alzheimer. J Neurol Geriatr Psychiatry. 1995; 8: 103-106. [PubMed]

20. Satlin A, Volicer L, Stopa EG, Harper D. circadiani attività locomotoria e corpo anima ritmi di temperatura nella malattia di Alzheimer. Neurobiol Aging. 1995; 16: 765-771. [PubMed]

21. statistiche del 2006 circa il morbo di Alzheimer. Associazione Alzheimer. [Accessed 2 novembre 2006]. Disponibile a: http://www.alz.org/AboutAD/statistics.asp.

22. Duckett S. La gestione del paziente sundowning. J Rehabil. 1993; 1: 24-28.

23. Congresso USA, Office of Technology Assessment. Unità di Terapia speciali per le persone con il morbo di Alzheimer e le altre demenze: educazione dei consumatori, ricerca, di regolamentazione e di rimborso. Washington, DC: Government Printing Office; 1992.

24. Devanand DP, Brodkington CD, Moody BJ, Marrone RP, Mayeux R, Endicott J, et al. sindromi del comportamento nella malattia di Alzheimer. Int Psychogeriatr. 1992; 4 (Suppl 2): ​​161-184. [PubMed]

26. Gallagher-Thompson D, Brooks JO, 3 °, Bliwise D, leader J, Yesavage JA. I rapporti tra lo stress del caregiver, "sundowning" sintomi e declino cognitivo nella malattia di Alzheimer. J Am Soc Geriatr. 1992; 40: 807-810. [PubMed]

27. Ancoli-Israele S, Gehrman P, Martin JL, Shochat T, Marler M, Corey-Bloom J, et al. Una maggiore esposizione alla luce consolida e rafforza il sonno ritmi circadiani nei pazienti con grave malattia di Alzheimer. Behav sonno Med. 2003; 1: 22-36. [PubMed]

28. Morley JE. Nocturnal agitazione: disturbi del sonno e insonnia negli anziani. I fatti Res Gerontologia. 1993; 7: 103-116.

30. Bliwise DL, Watts RL, Watts N, segale DB, Irbe D, Hughes M. comportamento notturno dirompente nel morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer. J Neurol Geriatr Psychiatry. 1995; 8: 107-110. [PubMed]

31. Grazia JB, Walker MP, McKeith IG. Un confronto tra i profili del sonno in pazienti con demenza con corpi di Lewy e la malattia di Alzheimer. Int J Geriatr Psychiatry. 2000; 15: 1028-1033. [PubMed]

32. Harper DG, Stopa EG, McKee AC, Satlin A, Harlan PC, Goldstein R, et al. Differenziali disturbi del ritmo circadiano negli uomini con malattia di Alzheimer e la degenerazione fronto-temporale. Arch Gen Psychiatry. 2001; 58: 353-360. [PubMed]

33. Bliwise DL, segale DB, Dihenia B, Gurecki P. maggiore sonnolenza diurna in subcorticale ictus rispetto al morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer. J Neurol Geriatr Psychiatry. 2002; 15: 61-67. [PubMed]

34. Feinberg io, Koreski RL, Schaffner IR. Dormire modelli elettroencefalografici e movimenti oculari nei pazienti con sindrome cerebrale cronica. J Psychiatr Res. 1965; 39: 11-26. [PubMed]

35. Yesavage JA, Friedman L, Ancoli-Israele Annu Rev Med. 2006; 57: 499-511. [PubMed]

36. Swaab DF, Fliers E, Partiman TS. Il nucleo soprachiasmatico del cervello umano in relazione al sesso, l’età e la demenza senile. Brain Res. 1985; 342: 37-44. [PubMed]

38. Wu YH, Swaab DF. La ghiandola pineale umana e la melatonina in invecchiamento e la malattia di Alzheimer. J Pineal Res. 2005; 38: 145-152. [PubMed]

39. Stopa EG, Volicer L, Kuo-Leblanc V, Harper D, Lathi D, Tate B, et al. la valutazione patologica del nucleo soprachiasmatico umana in grave demenza. J Neuropathol Exp Neurol. 1999; 58: 29-39. [PubMed]

40. Huitrn-Resndiz S, Sanchez-Alavez M, Gallegos R, G Berg, Crawford E, Giacchino JL, et al. Age-indipendente e deficit legati all’età nell’apprendimento visuo-spaziale, gli stati di sonno-veglia, termoregolazione e l’attività motoria nei topi PDAPP. Brain Res. 2002; 928: 126-137. [PubMed]

41. Huitrn-Resndiz S, Sanchez-Alavez M, Gallegos R, G Berg, Crawford E, Giacchino JL, et al. gli stati di sonno-veglia in modelli di topi transgenici che sovraesprimono la proteina precursore beta-amiloide umana. Am J Alzheimer Dis Altro Demen. 2005; 20: 87-90. [PubMed]

42. Vloeberghs E, Van Dam D, Engelborghs S, G Nagels, Staufenbiel M, De Deyn PP. Altered attività locomotoria circadiani nei topi APP23: un modello per i disturbi BPSD. Eur J Neurosci. 2004; 20: 2757-2766. [PubMed]

43. Liu RY, Zhou JN, van Heerikhuize J, Hofman MA, Swaab DF. Diminuzione dei livelli di melatonina nel liquido cerebrospinale post-mortem in relazione all’invecchiamento, il morbo di Alzheimer, e apolipoproteina E-epsilon 4/4 genotipo. J Clin Endocrinol Metab. 1999; 84: 323-327. [PubMed]

44. Reiter RJ, Tan DX, Manchester LC, El-Sawi MR. Melatonina riduce il danno ossidativo e favorisce la respirazione mitocondriale: Implicazioni per l’invecchiamento. Ann N S Acad Sci. 2002; 959: 238-250. [PubMed]

45. Wu YH, Feenstra MG, Zhou JN, Liu RY, Torano JS, Van Kan HJ, et al. cambiamenti molecolari alla base ridotti livelli di melatonina pineale nel morbo di Alzheimer: alterazioni nella fasi precliniche e cliniche. J Clin Endocrinol Metab. 2003; 88: 5898-5906. [PubMed]

46. ​​Cardinali DP, Brusco LI, Liberczuk C, Furio AM. L’uso di melatonina nella malattia di Alzheimer. Neuro Endocrinol Lett. 2002; 23 (Suppl 1): 20-23. [PubMed]

48. Cohen-Mansfield J, Garfinkel D, Lipson S. melatonina per il trattamento dei Sundowning nei soggetti anziani con demenza, uno studio preliminare. Arch Gerontol Geriatr. 2000; 31: 65-76. [PubMed]

49. Klaffke S, Staedt J. Sundowning e disturbi del ritmo circadiano nella demenza. Acta Neurol Belg. 2006; 106: 168-175. [PubMed]

50. Foley DJ, Monjan AA, Marrone SL, Simonsick EM, Wallace RB, Blazer DG. disturbi del sonno tra le persone anziane: uno studio epidemiologico di tre comunità. Dormire. 1995; 18: 425-432. [PubMed]

51. Jelicic M, H Bosma, Stagni RW, van Boxtel MP, Houx PJ, Jolles J. problemi di sonno soggettivo nella vita adulta come predittori di declino cognitivo. Relazione della Maastricht Ageing Study (MAAS) Int J Geriatr Psychiatry. 2002; 17: 73-77. [PubMed]

53. Cacabelos R, Rodriguez B, Carrera C, Caamao J, K Beyer, Lao JI, et al. frequenza dei sintomi cognitivi e non cognitivi nella demenza APOE-related. Metodi Trova Exp Clin Pharmacol. 1996; 18: 693-706. [PubMed]

54. Bliwise DL. I disturbi del sonno nella malattia di Alzheimer e altre forme di demenza. Clin Cornerstone. 2004; 6 (Suppl 1A): S16-S28. [PubMed]

55. Vitiello MV, Prinz PN. Sonno / Wake Patterns e disturbi del sonno nella malattia di Alzheimer. In: Thorpy MJ, editore. Manuale di disturbi del sonno. New York: Marcel Dekker; 1990. pp. 703-718.

56. Bliwise DL, Carroll JS, Lee KA, Nekich JC, Dement WC. sonno e "sundowning" in Infermieristica pazienti con demenza casa. Psychiatry Res. 1993; 48: 277-292. [PubMed]

57. Martin JL, Mory AK, Alessi CA. Notturna desaturazione di ossigeno e sintomi di disturbi respiratori nel sonno in di lunga durata casa di cura residenti. J Gerontol Un Biol Sci Med Sci. 2005; 60: 104-108. [PubMed]

58. Horiguchi J, H Yamashita, Mizuno S, Kuramoto Y, Kagaya A, Yamawaki S, et al. mangiare / bere sindrome notturna e la sindrome delle gambe senza riposo indotta da neurolettici. Int Clin Psychopharmacol. 1999; 14: 33-36. [PubMed]

59. Cohen-Mansfield J, Werner P, Freedman L. sonno e l’agitazione in agitati casa di cura residenti: uno studio osservazionale. Dormire. 1995; 18: 674-680. [PubMed]

60. Kral VA. Confusionale Uniti / descrizioni e di gestione. In: Howells JG, editore. Prospettive moderne nella psichiatria della vecchiaia. New York: Brunner Mazel; 1975.

62. Mace N, Rabins P. Il 36 Hour Day. New York: Grand Central Publishing; 2006. pp. 234-235.

63. Bachman D, Rabins P. "Sundowning" e altri stati di agitazione associati temporanee in pazienti affetti da demenza. Annu Rev Med. 2006; 57: 499-511. [PubMed]

64. Pollak CP, Perlick D, Linsner JP, Wenston J, problemi Hsieh F. dormire nella comunità di anziani come predittori di morte e di cura di collocamento a casa. J Community Health. 1990; 15: 123-135. [PubMed]

65. Pollak CP, problemi Perlick D. sonno e l’istituzionalizzazione degli anziani. J Neurol Geriatr Psychiatry. 1991; 4: 204-210. [PubMed]

66. Lee JH, Friedland R, Whitehouse PJ, Woo JI. ritmi Ventiquattro ore di ciclo sonno-veglia e la temperatura nella malattia di Alzheimer. J Clin Neurosci Neuropsichiatria. 2004; 16: 192-198. [PubMed]

67. Margiotta A, Bianchetti A, Ranieri P, Trabucchi M. Le caratteristiche cliniche e fattori di rischio di delirio in anziani ricoverati medici dementi dementi e non. Aging J Nutr Salute. 2006; 10: 535-539. [PubMed]

68. Lipowski Z. Delirium: insufficienza cerebrale acuta nell’uomo. Springfield, IL: Charles C Thomas; Del 1980.

69. Lipowski ZJ. disturbi transitori cognitivi (delirio, stati confusionali acuti) negli anziani. Am J Psychiatry. 1983; 140: 1426-1436. [PubMed]

70. Exum ME, Phelps BJ, Nabers LE, Osborne JG. La sindrome Sundown: si rifletteva nel l’uso di farmaci PRN per i residenti in casa di cura? Gerontologo. 1993; 33: 756-761. [PubMed]

71. Rabheru K. adottare un approccio S-M-A-R-T: corso imprevedibile di sintomi di demenza può essere gestito. Può FAM medico. 2003; 49: 389.

73. Campbell SS, Kripke DF, Gillin JC, Hrubovcak JC. L’esposizione alla luce in soggetti anziani sani e malati di Alzheimer. Physiol Behav. 1988; 42: 141-144. [PubMed]

74. McGonigal-Kenney ML, Schutte D. Gestione non farmacologica dei agitati comportamenti di persone con malattia di Alzheimer e altre malattie croniche demenza. Iowa City, IA: University of Iowa Gerontological Nursing Interventi Research Center, Research Diffusione core, National Guideline Clearinghouse; 2004. [PubMed]

75. Satlin A, Volicer L, Ross V, Herz L, Campell S. trattamento luce luminosa di disturbi comportamentali e sonno nei pazienti con malattia di Alzheimer. Am J Psychiatry. 1992; 149: 1028-1032. [PubMed]

76. Mishima K, M Okawa, Hishikawa Y, Hozumi S, Hori H, la terapia della luce brillante Takahashi K. mattina per i disturbi del sonno e del comportamento in pazienti anziani con demenza. Acta Psychiatr Scand. 1994; 89: 1-7. [PubMed]

77. Van Someren EJ, Hagebeuk EE, Lijzenga C, Scheltens P, de Rooij SE, Jonker C, et al. Circadiani di attività-riposo disturbi del ritmo nella malattia di Alzheimer. Biol Psychiatry. 1996; 40: 259-270. [PubMed]

78. Murphy PJ, Campbell SS. Prestazioni migliorate nei soggetti anziani a seguito di trattamento luce di mantenimento del sonno insonnia. J sonno Res. 1996; 5: 165-172. [PubMed]

80. Forbes D, Morgan DG, Bangma J, Pavone S, Pelletier N, la terapia Adamson J. luce per la gestione del sonno, comportamento e disturbi dell’umore nella demenza. La Cochrane Library, 2005. Edizione 2. Oxford Aggiornamento Software. [Accessed 5/12/05]. Disponibile a: http://cochrane.bireme.br/cochrane/show.php.

81. Okawa M, Y Hishikawa, Hozumi S, Hori H. disturbi del sonno-veglia e fototerapia nei pazienti anziani con demenza. Biol Psychiatry. 1994; 1: 837-840.

82. Lovell BB, Ancoli-Israel S, Gevirtz R. Effetto del trattamento luce sul comportamento agitato nei soggetti anziani istituzionalizzati. Psychiatry Res. 1995; 57: 7-12. [PubMed]

83. Uchida K, Okamoto N, Ohara K, ritmo Moita Y. giornaliera di melatonina sierica in pazienti con demenza di tipo degenerativo. Brain Res. 1996; 717: 154-159. [PubMed]

84. Dori D, G Casale, Solerte SB, Fioravanti M, Migliorati G, Cuzzoni G, et al. aspetti Chrono-neuroendocrinological dell’invecchiamento fisiologico e la demenza senile. Chronobiologia. 1994; 21: 121-126. [PubMed]

85. Mishima K, Tozawa T, Satoh K, Matsumoto Y, Y Hishikawa, Okawa M. melatonina disturbi del ritmo di secrezione nei pazienti con demenza senile e disturbi del sonno-veglia. Biol Psychiatry. 1999; 45: 417-421. [PubMed]

86. Balan S, Leibovitz A, Zila SO, Ruth M, Chana W, Yassica B, et al. Il rapporto tra i sottotipi clinici di delirio e il livello urinaria di 6-SMT. J Clin Neurosci Neuropsichiatria. 2003; 15: 363-366. [PubMed]

87. Shigeta H, Yasui A, Nimura Y, Machida N, Kageyama M, M Miura, et al. i livelli di delirio e di melatonina post-operatorie in pazienti anziani. Am J Surg. 2001; 182: 449-454. [PubMed]

88. Ohashi Y, Okamoto N, Uchida K, Iyo M, N Mori, ritmo Morita Y. giornaliera di livelli di melatonina sierica e l’effetto di esposizione alla luce in pazienti con demenza di tipo Alzheimer. Biol Psychiatry. 1999; 45: 1646-1652. [PubMed]

89. Olde Rikkert MG, Rigaud AS. Melatonina nei pazienti anziani con insonnia. Una revisione sistematica. Z Gerontol Geriatr. 2001; 34: 491-497. [PubMed]

90. Monti JM, Cardinali DP. Una valutazione critica dell’effetto melatonina sul sonno nell’uomo. Biol Segnali CONF. 2000; 9: 328-339. [PubMed]

91. Asayama K, H Yamadera, Ito T, H Suzuki, Kudo Y, Endo S. studio in doppio cieco degli effetti della melatonina sul ritmo sonno-veglia, le funzioni cognitive e non cognitive nella malattia di Alzheimer tipo di demenza. J Med Nihon Sch. 2003; 70: 334-341. [PubMed]

92. Rao ML, Mller-Oerlinghausen B, Mackert A, Stieglitz RD, Strebel B, Volz HP. L’influenza della fototerapia sulla serotonina e melatonina nella depressione non stagionale. Pharmacopsychiatry. 1990; 23: 155-158. [PubMed]

94. Ross JS, Shua-Haim JR. incubi Aricept indotta nella malattia di Alzheimer: 2 case report. J Am Soc Geriatr. 1998; 46: 119-120. [PubMed]

95. Rogers SL, Doody RS, Mohs RC, Friedhoff LT. Donepezil migliora la cognizione e la funzione globale nella malattia di Alzheimer: a 15 settimane, in doppio cieco, controllato con placebo. Gruppo di studio Donepezil. Arch Intern Med. 1998; 158: 1021-1031. [PubMed]

97. McKeith I, Del Ser T, Spano P, Emre M, Wesnes K, Anand R, et al. L’efficacia di rivastigmina nella demenza con corpi di Lewy: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo studio internazionale. Lancetta. 2000; 356: 2031-2036. [PubMed]

99. Mizuno S, Kameda A, Inagaki T, Horiguchi J. Effetti del donepezil sulla malattia di Alzheimer: il rapporto tra funzioni cognitive e sonno REM. Psychiatry Clin Neurosci. 2004; 58: 660-665. [PubMed]

100. Skjerve A, Nygaard HA. Miglioramento Sundowning nella demenza con corpi di Lewy dopo il trattamento con donepezil. Int J Geriatr Psychiatry. 2000; 15: 1147-1151. [PubMed]

101. Simard M, van Reekum R. Gli inibitori dell’acetilcolinesterasi per il trattamento dei sintomi cognitivi e comportamentali nella demenza con corpi di Lewy. J Clin Neurosci Neuropsichiatria. 2004; 16: 409-425. [PubMed]

102. MacLean LE, Collins CC, Byrne EJ. La demenza con corpi di Lewy trattati con rivastigmina: effetti sulla cognizione, sintomi neuropsichiatrici, e il sonno. Int Psychogeriatr. 2001; 13: 277-288. [PubMed]

103. Lettura PJ, Luce AK, McKeith IG. Rivastigmina nel trattamento delle psicosi parkinsoniani e deterioramento cognitivo: risultati preliminari da uno studio in aperto. Mov Disord. 2001; 16: 1171-1174. [PubMed]

104. Stahl SM, Markowitz JS, Papadopoulos G, Sadik K. L’esame dei problemi legati al sonno notturno durante, studi in doppio cieco, controllati con placebo della galantamina nei pazienti con malattia di Alzheimer. Curr Med Res Opin. 2004; 20: 517-524. [PubMed]

105. Herrmann N, Rabheru K, Wang J, trattamento Binder C. galantamina di comportamenti problematici nella malattia di Alzheimer: analisi post-hoc dei dati raccolti da tre grandi prove. Am J Psychiatry Geriatr. 2005; 13: 527-534. [PubMed]

107. Cummings JL, Koumaras B, Chen M, Mirski D. Rivastigmina casa di cura di Studio Team. Effetti del trattamento con rivastigmina sui disturbi neuro-psichiatrici e comportamentali della casa di cura residenti con moderata a grave malattia di Alzheimer probabile: una di 26 settimane, multicentrico, in aperto dello studio. Am J Geriatr Pharmacother. 2005; 3: 137-148. [PubMed]

109. Cummings JL, McRae T, Zhang R. Donepezil-sertralina Study Group. Effetti del donepezil sui sintomi neuropsichiatrici in pazienti con demenza e disturbi comportamentali gravi. Am J Psychiatry Geriatr. 2006; 14: 605-612. [PubMed]

110. Barak Y, Bonder E, Zemishlani H, Mirecki io, Aizenberg D. Donepezil per il trattamento dei disturbi del comportamento nella malattia di Alzheimer: una di 6 mesi di prova aperta. Arch Gerontol Geriatr. 2001; 33: 237-241. [PubMed]

111. Paleacu D, Mazeh D, Mirecki io, anche M, Barak Y. Donepezil per il trattamento dei sintomi comportamentali nei pazienti con malattia di Alzheimer. Clin Neuropharmacol. 2002; 25: 313-317. [PubMed]

114. Stoppe G, H Sandholzer, Staedt J, Inverno S, Kiefer J, disturbi rther E. dormire nella demenza anziani: il trattamento nella cura ambulatoriale. Dormire. 1995; 18: 844-848. [PubMed]

115. Tariot PN. Trattamento farmacologico della demenza grave. In: Iqbal K, Winblad B, redattori. Morbo di Alzheimer e disturbi correlati Research. Bucarest, Romania: Ana asiatico Int Acad invecchiamento; 2003. pp. 653-661.

116. Ruths S, Straand J, Nygaard HA, Bjorvatn B, Pallesen S. Effetto di recesso antipsicotico sul comportamento e dormire / attività di veglia in casa di cura residenti con demenza: uno studio in doppio cieco randomizzato, controllato con placebo. Il Nursing Bergen Distretto di studio a casa. J Am Soc Geriatr. 2004; 52: 1737-1743. [PubMed]

117. Meguro K, Meguro M, Y Tanaka, Akanuma K, Yamaguchi K, Itoh M. Risperidone è efficace per passeggiare e disturbato modelli di sonno / veglia nella malattia di Alzheimer. J Neurol Geriatr Psychiatry. 2004; 17: 61-67. [PubMed]

118. Falsetti AE. Risperidone per il controllo di agitazione nei pazienti affetti da demenza. Am J Salute Syst Pharm. 2000; 57: 862-870. [PubMed]

119. Suh GH, Figlio HG, Ju YS, Jcho KH, Yeon BK, Shin YM, et al. Uno studio randomizzato, in doppio cieco, il confronto incrociato di risperidone e aloperidolo in pazienti affetti da demenza coreani con disturbi del comportamento. Am J Psychiatry Geriatr. 2004; 12: 509-516. [PubMed]

121. Via JS, Clark WS, Gannon KS, Cummings JL, Bymaster FP, Tamura RN, et al. il trattamento con olanzapina dei sintomi psicotici e comportamentali nei pazienti con malattia di Alzheimer in strutture di assistenza infermieristica: una in doppio cieco, randomizzato, controllato con plaacebo. Il Gruppo di Studio HGEU. Arch Gen Psychiatry. 2000; 57: 968-976. [PubMed]

123. Katz IR, Jeste DV, Mintzer JE, Clyde C, Napolitano J, Brecher M. Confronto di risperidone e placebo per psicosi e comportamentali disturbi associati alla demenza: uno studio randomizzato, in doppio cieco. Gruppo di studio Risperidone. J Clin Psychiatry. 1999; 60: 107-115. [PubMed]

124. Tariot PN, Schneider L, Katz I, J Mintzer, Via J. Quetiapina in casa di cura residenti con demenza e psicosi di Alzheimer; Presentato alla riunione annuale 15 della American Association for Geriatric Psychiatry; 24-27 febbraio 2002; Orlando, FL. Del 2002.

125. De Deyn P, Jeste DV, Auby P, Carson W, Marcus R, Kujawa M, et al. Aripiprazolo nella demenza di tipo Alzheimer; Presentato alla riunione annuale 16 American Association for Geriatric Psychiatry; 1-04 marzo 2003; Honolulu, HI. Del 2003.

126. Maixner SM, Mellow AM, Tandon R. L’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità degli antipsicotici negli anziani. J Clin Psychiatry. 1999; 60 (suppl 8): 29-41. [PubMed]

128. Standridge JB. Farmacoterapeutica approcci al trattamento della malattia di Alzheimer. Clin Ther. 2004; 26: 615-630. [PubMed]

129. opzioni Parnetti L. terapeutiche nella demenza. J Neurol. 2000; 247: 163-168. [PubMed]

132. Schneider LS, Dagerman KS, Insel P. rischio di morte con atipici trattamento con farmaci antipsicotici per la demenza: meta-analisi di studi clinici controllati con placebo e randomizzati. JAMA. 2005; 294: 1934-1943. [PubMed]

136. Vink AC, Briks JS, Bruinsma MS, Scholten RJ. La musicoterapia per le persone con demenza. Cochrane Database Syst Rev. 2004: CD003477. [PubMed]

141. Schulz R, Belle SH, SJ Czaja, Gitlin LN, Wisniewski SR, Ory MG, et al. Introduzione alla sezione speciale per le risorse per migliorare l’Alzheimer Caregiver Salute (REACH) Psychol Aging. 2003; 18: 357-360. [PubMed]

Articoli da Psichiatria Investigation sono forniti qui per gentile concessione di Coreano Neuropsychiatric Association

Related posts

  • Che cosa è la sindrome di Reiter s, malattia piloti.

    Che cosa è la sindrome di Reiter? Con Collette A. Osuna Qual è la causa della sindrome di Reiter? La causa esatta della sindrome di Reiter è sconosciuta. Essa si verifica più comunemente negli uomini prima dell’età di 40. …

  • Sindrome di cavo Tethered – NORD …

    Sinonimi di Tethered Cord sindrome TCS impastoiati sindrome del midollo spinale generali Discussione segni I sintomi i sintomi specifici, la gravità e la progressione della sindrome midollo ancorato variano da un …

  • I Khmer ‘cuore debole’ sindrome …

    Astratta Parole chiave: rifugiati Khmer, attacchi di panico, attacchi di panico, PTSD, traumi la prevalenza di cuore debole tra i Khmer Rifugiati Metodi Un centinaio di pazienti consecutivi che frequentano due ambulatoriale …

  • Sindrome dello stretto toracico, toraciche trattamento mal di schiena.

    sindrome dello stretto toracico descrive una condizione di nervo o compressione dei tessuti vascolari nella parte posteriore superiore e inferiore regione del collo. Anche se non è collegato a una causalità spinale, i sintomi della …

  • Che cosa è la sindrome di Churg-Strauss …

    sindrome di Churg-Strauss è una malattia estremamente rara che causa l’infiammazione dei vasi sanguigni. Questa condizione può danneggiare le piccole e medie vasi sanguigni. I medici lo chiamano anche …

  • La sindrome di tachicardia posturale …

    Astratta Parole chiave: Sindrome Posturale tachicardia, fisiopatologia, diagnosi, gestione Introduzione Fisiologia della posizione eretta Assunzione della postura eretta richiede pronta …