Trauma cranico (TBI) Pain …

Trauma cranico (TBI) Pain ...

“Ai miei pazienti che mi hanno insegnato avvertimenti preziosi per quanto riguarda la gestione del dolore.”

Robert Foery, PhD, DABCC / TC

Come risultato di interventi aggressivi e riabilitazione, lesioni cerebrali traumatiche (TBI), i pazienti vivono più a lungo. La cattiva notizia è che i pazienti con trauma cranico vivono più a lungo con il dolore. I pazienti e le famiglie possono diventare frustrati a causa della possibilità di vivere con dolore intrattabile. E ‘ben noto che il dolore è spesso lasciato sottovalutato e undertreated nei pazienti cognitivo-deteriorati. complicanze neurologiche comune dopo trauma cranico includono dolore, spasticità, e il declino funzionale in ritardo. Il dolore può essere acuta o cronica. Il dolore può essere muscolo-scheletrico, neuropatico ( “dolore del nervo”), o secondaria a complicazioni mediche.

sfondo

Più del 90 per cento dei soldati-il tasso di sopravvivenza più alto ferito in American guerre, hanno fatto fuori dal campo di battaglia. I tassi di sopravvivenza aumentati sono aumentati sia per le vittime militari e civili TBI.

A causa dei progressi nella valutazione e nel trattamento degli individui dopo una lesione cerebrale traumatica (TBI), il numero di co-morbidità è aumentata. Con l’invenzione della Computerizzata Tomogramma (CT) nel 1970, la diagnosi di eventi pericolosi per la vita ha portato in molte vite salvate e una migliore comprensione di trauma cranico. Perché molte delle lesioni cerebrali coinvolgono incidenti automobilistici e cade, concomitante lesione fisica spesso accompagna l’evento. Alcuni ricercatori stimano che il tasso di mal di testa post-traumatiche si avvicina al 90% On1 presto o 44% entro sei mesi dalla injury.2 A differenza di ciò che si vede oggettivamente su scansioni sofisticati, il dolore non è mai ben chiaro perché la sofferenza è soggettivo. Oggettivamente, si può facilmente capire il dolore in presenza di fratture, ma anche i cambiamenti più orrendi di film schiena o al collo degenerative non sono necessariamente indicazioni oggettive di dolore. Al contrario, gli studi di imaging normali della colonna vertebrale non conclusivamente negano reclami di dolore del paziente. Ad esempio, il dolore miofasciale cronico sindromi-una causa significativa di non disabilità è visibile su studi di imaging. Mentre una piena comprensione della patologia e le risposte al trauma è ottimale, è ottimizzato nelle mani del medico esperto. esperienza di riabilitazione medici è ideale per determinare i danni residui e disabilità-in aggiunta alle diagnosi mediche. Questa informazione è fondamentale per una valutazione completa e la riabilitazione di successo.

Incidenza e prevalenza incidenza e prevalenza

Perché ci sono una varietà di sindromi dolorose associate a lesioni cerebrali, l’incidenza e la prevalenza varia. La durata di inizio e la durata varia da caso a caso. Il dolore può apparire in qualsiasi momento dopo TBI (sia in fase acuta, durante il recupero, o in fase stabile). A parere dell’autore, la sofferenza associata del dolore TBI è di maggiore importanza rispetto solo l’incidenza e la prevalenza del dolore.

Fattori di rischio: chi è suscettibile?

lesione cerebrale traumatica è una delle principali cause di morte e disabilità per tutta la vita negli Stati Uniti. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie ha stimato che ogni anno, circa 1,5 milioni di americani sopravvivere a un trauma cranico, tra i quali 230.000 sono ricoverati in ospedale. Ogni anno in America circa 50.000 persone muoiono e altri 80.000 a 90.000 persone sono lasciati con una disabilità TBI-correlati permanente. TBI è tre volte più comune negli uomini. Gli adolescenti, i giovani adulti, e gli anziani sono a più alto rischio. I meccanismi più comuni di lesioni sono a motore collisioni veicolari, cadute, e la violenza.

Fisiopatologia: “Dottore, Quanto è grave?”

Durata della perdita di coscienza (LOC) è un altro fattore usato per descrivere la gravità delle lesioni cerebrali. lesione cerebrale lieve comprende qualsiasi cambiamento di stato mentale o LOC di 30 minuti o meno, mentre lesioni cerebrali moderata è un cambiamento dello stato mentale o LOC che persiste superiore a 30 minuti, ma meno di sei ore. Le persone che hanno LOC per più di sei ore sono considerati gravi pazienti con lesioni cerebrali.

L’autore fa notare molte somiglianze nel prendersi cura di lesioni cerebrali e pazienti con dolore cronico. Anderson, et al3 concorda con questo punto di vista. Gli investigatori relazione un elenco di sintomi comuni tra questi due gruppi. L’elenco comprende una ridotta capacità di attenzione, perserveration, egocentrismo, la depressione, l’ansia, i rapporti deteriorati, le capacità professionali deteriorati, frequenti visite mediche, la dipendenza, e irritabilità.

Dolore acuto e cronico

E ‘importante distinguere il dolore acuto e cronico per la prognosi e il trattamento.

  • 1. Schulman EA, Lago AE III, Goadsby PJ, Peterlin B, et al. Definire l’emicrania refrattaria e di emicrania cronica refrattaria: Proposta di criteri. Mal di testa. Giugno 2008. 48: 778-782.
  • 2. Schulman EA, Lago AE III, Peterlin B, et al. Definire l’emicrania refrattaria e emicrania cronica: i criteri proposti dal refrattario Mal di testa Parte Speciale interesse (RHSIS) di AHS: OR15. Mal di testa. 2007. 47: 747.
  • 3. Levin M. refrattario mal di testa: classificazione e nomenclatura. Mal di testa. 2008. 48: 783-790.
  • 4. Goadsby PJ e Hargreaves R. emicrania refrattaria e l’emicrania cronica: meccanismi fisiopatologici. Mal di testa. 2008. 48: 799-804.
  • 5. Lipton RB, Bigal ME, Diamante M, et al. la prevalenza di emicrania, carico di malattia e la necessità di una terapia preventiva. Neurologia. 2007. 68 (5): 343-349.
  • 6. Lipton RB e Bigal ME. Verso una epidemiologia di emicrania refrattaria: la conoscenza e le questioni per ulteriori ricerche in corso. Mal di testa. 2008. 48: 791-798.
  • 7. I disturbi di personalità Robbins L e Goldfein P. e lo spettro bipolare. Pract dolore Manag. Aprile 2008. 8 (3): 46-50.
  • 8. Robbins L. Lo spettro bipolare in emicrania, cluster e pazienti tensione mal di testa cronici. Malattie neurologiche degli Stati Uniti. Feb 2007 (2008): vol. 3, Iss 2.
  • 9. Robbins L e Ludmer C. Lo spettro bipolare nei pazienti con emicrania. American Journal of Pain Management. 2000. 10: 167-170.
  • 10. Merikangas KR et al. La comorbilità di emicrania e disturbi psichiatrici. Clinica Neurologica. 1997. 15: 115-123.
  • 11. McIntyre RS et al. La prevalenza di emicrania mal di testa nel disturbo bipolare. Mal di testa. 2006. 46: 9973-9982.
  • 12. Basso NC et al. Prevalenza, correlati clinici e trattamento dell’emicrania nel disturbo bipolare. Mal di testa. 2003 64: 53-59.
  • 13. Lester G. Disturbi di Personalità in lavoro sociale e sanità. Cross Country University Press. Nashville. 2002. pp 28-79.
  • 14. Lester G. Disturbo Borderline di personalità. Trattamento e gestione che funziona. Cross Country University Press. Nashville. 2005. pp 15-19.
  • 15. Rothrock J et al. Disturbo Borderline di Personalità e emicrania. Mal di testa. 2007. 47: 22-26.
  • 16. Robbins L. La prevalenza dei disturbi di personalità in emicranici. Malattie neurologiche degli Stati Uniti. 2007. maggio 2008. 4 (1).
  • 17. Lester G. Disturbo Borderline di personalità. Trattamento e gestione che funziona. Cross Country University Press. Nashville. 2005. pp 88-91.
  • oppioidi per l’emicrania cronica refrattaria 18. Robbins L. lunga durata d’azione. Pract dolore Manag. 2009. 9 (6): 45-54.
  • oppioidi 19. Robbins L. lunga durata d’azione per la grave cefalea cronica quotidiana. Mal di testa trimestrale. Luglio 1999. X (3): 135-139.
  • 20. Saper JR e il lago di AE. La terapia con oppiacei continuo è raramente consigliabile per refrattari cefalea cronica quotidiana. Mal di testa. 2008. 48 (6): 838-849.
  • 21. La terapia Rothrock J. metadone in emicrania cronica refrattaria. Mal di testa. 2005. 45 (6): 830.
  • emicrania 22. Rothrock J. Trattamento refrattari; Il caso per la terapia con oppioidi. Mal di testa. 2008. 48 (6): 850-854.
  • 23. Inturrisi C. oppioidi per il dolore della farmacologia. In: Smith HS e Passik SD. Il dolore e la dipendenza chimica. Oxford University Press di New York. 2008: 175-182.
  • 24. oppioidi Robbins L. giornaliere (metadone) per refrattaria cefalea cronica quotidiana. Mal di testa trimestrale. 1996. 7 (1): 39-42.
  • 25. Webster LR e Dove B. Evitare di abuso di oppiacei, mentre la gestione del dolore. Alba River Press. North Branch, Minnesota. 2007. pp 69-89.
  • 26. Chabal C, Erjavec MK, Jacobson L, Mariano A, e Chaney E. abuso prescrizione di oppiacei nei pazienti cronici di dolore: criteri clinici, l’incidenza e predittori. Clin J Pain. Giugno 1997. 13 (2): 150-155.
  • 27. Gourlay D e H. Heit test delle urine di droga per il dolore e la dipendenza della medicina. In: Smith HS e Passik SD. Il dolore e la dipendenza chimica. La stampa dell’università di Oxford. New York. 2008: 353-357.
  • 28. Richman JA, Shinsako SA, Rospenda KM, et al. Sul posto di lavoro molestie / abuso e gli esiti alcol correlati: il ruolo di mediazione del disagio psicologico. J Stud Alcohol. 2002. 63 (4): 412-419.
  • 29. Passik S e Kirsh K. Chemical coping. In: Smith HS e Passik SD. Il dolore e la dipendenza chimica. La stampa dell’università di Oxford. New York. 2008: 300-301.
  • 30. Jaffe LA. La previsione del consumo di droga tra gli studenti universitari provenienti da MMPI, MCMI e scale di ricerca di sensazioni. J Pers Valutare. Estate 1987. 51 (2): 243-253.
  • 31. Webster LR e Dove B. Evitare di abuso di oppiacei, mentre la gestione del dolore. Alba River Press. North Branch, Minnesota. 2007. pp 48-68.
  • 32. Savage S. valutazione per la dipendenza nelle impostazioni del dolore-trattamento. Clin J Pain. 2002. 18 (4 Suppl): S28-38.
  • 33. Dunbar SA e Katz NP. terapia cronica con oppioidi per il dolore non oncologico in pazienti con una storia di abuso di sostanze: Rapporto di 20 casi. J Pain Symptom Gestione. 1996. 11 (3): 163-171.
  • 34. Atluri S e Sudarshan G. uno strumento di screening per determinare il rischio di prescrizione abuso di oppiacei tra i pazienti con dolore cronico non oncologico [abstract]. Medico Pain. 2002. 5 (4): 447-448.
  • 35. Webster LR e Dove B. Evitare di abuso di oppiacei, mentre la gestione del dolore. Alba River Press. North Branch, Minnesota. 2007. pp 69-89.
  • 36. Biederman J, Wilens T, Mick E, Spencer T, e Faraone SV. Farmacoterapia di iperattività da deficit di attenzione riduce il rischio di disturbo da uso di sostanze. Pediatria. Agosto 1999. 104 (2): E20.
  • 37. Gallagher R. Gli oppioidi nel trattamento del dolore cronico: Navigare le sfide clinici e normativi. J pratica della famiglia. Ott 2004. (Suppl): S23-S32.
  • 38. oppioidi Robbins L. lunga azione (metadone) per il mal di testa cronico refrattario: valutazione della qualità della vita. Mal di testa trimestrale. Luglio 1997. 8 (3): 234-236.
  • 39. Fishman SB. Il contratto di oppioidi nel trattamento del dolore cronico. J Pain Symptom Gestione. 1999. 18 (1): 27-37.
  • 40. Zepetella GR. Gli oppioidi per la gestione di svolta del dolore (episodica) in pazienti affetti da cancro. Cochrane Database Review sistemico. 2006. 1: CD004311.
  • Archivi 41. Ashkenazi A e Silberstein S. of Neurology. 2008. 65 (1): 146-149.
  • 42. Preempt studio di fase III Risultati (inedito). Allergan, Inc. comunicato stampa del 2008/09/11.
  • 43. Oshinsky ML. tossine botuliniche e l’emicrania: Come funziona? Pract Neurology. 2004. (suppl): 10-13.
  • medicina basata 44. Schulte-Mattler WJ e Leinisch E. prove sull’uso della tossina botulinica per i disturbi di mal di testa. J Neural Trasm. 2008. 115: 647-651.
  • 45. Conway S, Delplanche C, Crowder J, e Rothrock J. Botox terapia per l’emicrania cronica refrattaria. Mal di testa. 2005. 45: 355-357.
  • 46. ​​Robbins L. frequente uso triptani: Osservazioni in materia di sicurezza. Mal di testa. 2004. 44: 1-5.
  • 47. Robbins L e Maides J. A lungo termine l’uso quotidiano triptani: 59 pazienti. Mal di testa trimestrale. 2000. 11 (4): 275-277.
  • 48. Dahlof CG e Mathew NT. Cardiovascular sicurezza dei 5HT1B / 1D agonisti-c’è motivo di preoccupazione? Cephalagia. 1998. 18: 539-545.
  • 49. Drago F, G Caccomo, Continella G, e l’analgesia Scapagnini U. anfetamine indotta non comporta oppioidi del cervello. Europea J Pharmacol. 1984. 101: 267-269.
  • 50. Dalal S e Melzack R. Potenziamento di analgesia da oppioidi da farmaci psicostimolanti: una revisione. J Pain Symptom Gestione. 1998. 16: 245-253.
  • 51. Finkel R, Cubeddy LX, e Clark MA. stimolanti del sistema nervoso centrale. In: Harvey RA, Champe PC, Finkel R, Cubeddy LX, Clark MA, eds. Recensioni di Lippincott illustrati: Farmacologia, 4th Edition. Lippincott Williams e Wilkins.Philadelphia, PA. 2008. pp 117-127.
  • 52. Haas DC e Sheehe PR. prove pilota di crossover destroanfetamina e n di 1 prove in pazienti con cronica cefalea di tipo e emicrania. Mal di testa. 2004. 44 (10): 1029-1037.
  • 53. Mellick GA e Mellick LB. gestione cefalea a grappolo con metilfenidato (Ritalin). Mal di testa. 1998. 38 (9): 710-712.
  • 54. Robbins L e Maides J. efficacia degli stimolanti negli emicranici con comorbidità. Pract dolore Manag. 2009. 9 (7): 58-59.
  • 55. Krishnan KR. Rivisitare monoamino ossidasi inibitori. J Clin Psychiatry. 2007. 68 (suppl 8): 35-41.
  • 56. Laux G, Volz HP, e Moller HJ. Più recente e più vecchio monoamino-ossidasi inibitori: un profilo comparativo. CNS Drugs. 1995. 3 (suppl 2): ​​145-158.
  • 57. Rapaport MH. restrizioni dietetiche e interazioni farmacologiche con gli inibitori della monoamino ossidasi: lo stato dell’arte. J Clin Psychiatry. 2007. 68 (suppl 8): 42-46

Related posts

  • TBI Brain Injury Rehabilitation …

    Le famiglie di lesioni cerebrali traumatiche (TBI) vittime hanno spesso molte domande quando il loro caro viene trasferito in un centro di cure riabilitative. I loro obiettivi sono: Stabilizzare il medico e …

  • ATM, dolore facciale Nerve Injury …

    odontoiatria orale e maxillofacciale chirurghi della UT Southwestern Medical Center sono esperti nella diagnosi e nel trattamento dei disturbi dell’articolazione temporomandibolare (ATM), dolore facciale e lesioni nervose ….

  • Trattamento del dolore – cervello, midollo …

    Nelle persone con dolore cronico, aumentando la dose di un oppiaceo non necessariamente tradursi nella riduzione del dolore aggiuntivo e può aumentare il rischio di effetti collaterali. Gli oppioidi sono spesso più efficaci …

  • Trauma cranico, che cosa è i sintomi della tubercolosi.

    Traumatiche risultati lesioni cerebrali da un impatto alla testa che sconvolge la normale funzione cerebrale. lesione cerebrale traumatica può influenzare le capacità cognitive di una persona, compreso l’apprendimento e il pensiero …

  • Traumatica Spinal Injury Panoramica …

    Una donna di 24 anni viene portato in una baia trauma nel pronto soccorso dopo una caduta da cavallo. Ha un collare duro e la sua testa è registrato alla tavola spinale dura ha guidato in su ….

  • Il trattamento dei inguinale dolore, inguine infortunio al tendine.

    Introduzione L’eziologia del dolore inguinale può essere molto semplice da diagnosticare se un ernia viene palpato all’inguine. Questo articolo spiega inoltre cosa fare quando l’ernia non è palpabile ….